BlogBody

Serie A 2019 – tutti i body

Bianco is the new black baby!

A volte ritornano, e meno male che lo fanno! Quanti anni era che non si vedevano body total white in Serie A? Che mi ricordi io, dal 2014 ad oggi non ne avevo ancora visti. Mentre il nero rimane sempre uno status symbol di grinta ed eleganza – e fa anche un pochino “Bad Girl” – il 2019 ha portato finalmente un po’ di ricambio generazionale nelle scelte dei colori. Vediamo un po’ le scelte cromatiche ed i modelli che l’hanno fatta da protagonisti in questo campionato di Serie A1 e A2 femminile. Ecco tutti i body della serie A 2019.

Rosso sì ma non troppo

Sembra quasi difficile da credere ma quest’anno il rosso è stato uno dei colori meno gettonati. Lo abbiamo visto splendidamente indossato dalle ginnaste della Ginnica Giglio (Gymbody) in due tonalità, cadmio e bordeaux, accompagnato però da un’importante ombré nero-bianco su décolleté e maniche. Semplice nel design il body della Forza e Virtù (Gymbody) che abbraccia i toni dall’amaranto al bordeaux (con i tessuti in lurex è complicato definire una tonalità precisa) ma che si lascia impreziosire con un migliaio di strass. Base rosso mattone per la World Sport Academy (Gymbody) alla quale si accostano il grigio, il nero velato e un ombré nero-bianco. Rosso cremisi per Fino Mornasco (Gymbody), accostato a fiamme bianche e nere. Quindi, sì al rosso ma nei toni più scuri e accompagnato ad altri elementi.

All Black and its shades

In fondo li amiamo un po’ tutti perché con loro è difficile sbagliare. Mettiamo insieme il nero, il tulle elasticizzato e tanti, tanti cristalli ed eccolo lì, il body “vestito da sera” che ti fa sentire a tuo agio e più sicura di te anche in campo gara. Che sia total black o accostato ad altri colori, il nero anche quest’anno è stato uno dei protagonisti in campo gara. Sfumature di nero per la Ginnastica Salerno (Gymbody) e la Ghislanzoni Gal (Gymbody) che aggiunge però una nota di rosa con gli strass. Body tutto stampato nero e blu per la Pro Lissone (Gymbody), mentre il nero accompagna il grigio titanio per la Biancoverde Imola (Glielfi). Infine, per rimanere sui toni scuri, ecco il body indossato dalla GAL Lissone (Sigoa) che combina nero e grigio.

Il nero però si sposa benissimo anche con i colori accesi, creando bellissimi contrasti e facendoli risaltare. Nero e verde per Adesso Sport (Robel) con una semplice e intramontabile scollatura a cuore, più elaborato invece il body della Audace (Gymbody) che accosta due tonalità di verde al nero e ad una sfumatura dal bianco al nero.

Nero e fucsia indossati dalla Fanfulla (Sigoa) che gioca su un motivo semi simmetrico e, dalla Victoria Torino (Glielfi) che si sviluppa il modello su una base di retina ispirandosi un po’ al mondo della ritmica. Primo body che oltre ai normali strass, presenta delle pietre cucite sul décolleté. Fucsia e nero anche per il CS Bollate (Gymbody), che ci aveva abituato ai colori fluo e – dopo la pausa blu della scorsa stagione – ripropone il rosa ma con toni più dark. Tre body, stessi colori ma design molto differenti.

Nel blu dipinto di blu

Il blu in tutte le sue sfumature, dal navy al turchese, non può mancare in campo gara tra i body della serie A 2019. Blu scuro con una manica in retina e strisce bianche sul décolleté per la Sampietrina (Gymbody) e, per la Ginnastica Torino (Gymbody) che ripropone un bellissimo e semplice body in tinta unita decorato unicamente da strass e da un motivo lineare sulle maniche. Uno dei modelli che più mi ha colpito questa stagione, è stato quello indossato dalla Ginnastica Civitavecchia (Sigoa), turchese e verde acqua accompagnati da una retina/lurex cangiante, in campo gara le ginnaste sembravano appena emerse dalle acque. Sempre fedele ai propri colori societari l’Artistica 81 di Trieste (Gymbody), che ha fatto del blu-bianco-rosso un vero e proprio fondamento. Particolare il body indossato dalle ragazze dell’Estate 83 (Sigoa) che gioca con motivi curvi, pizzo carta da zucchero e lurex azzurro, una ventata di aria fresca. In azzurro anche la Olos Gym (Gymbody) con punte di bianco, grigio e nero.

Too White what?

Non si vedevano da anni e nel 2019 abbiamo avuto ben due squadre che li hanno indossati. I body total white della Ginnastica Romana (Robel) e della Juventus Nova Melzo (Sigoa). Il primo più semplice, il secondo dal design più elaborato, entrambi esprimono una grande eleganza e trasmettono a chi li guarda un senso di sicurezza. Ci vuole del coraggio per indossare un body bianco? No, ci vuole consapevolezza e amore verso la propria fisicità. Sebbene ci abbiano inculcato per anni certi standard e canoni di bellezza, nel 2019 è il momento di dire basta, di capire che ciascuna deve potersi sentire libera di indossare ciò che più la fa sentire a proprio agio, speciale e bellissima. Quindi se il bianco vi piace, sentitevi libere ed orgogliose di indossarlo libere da ogni pregiudizio.

Gli Outsider

Ultimi ma non per importanza, ci sono loro, gli outsider. Quei body della serie A 2019 così particolari da spiccare in mezzo agli altri. La Corpo Libero Gymnastic Team di Padova da anni si distingue per i modelli indossati unici nel loro genere, disegnati e prodotti proprio dall’allenatrice della squadra, Michela Francia. Quest’anno nella seconda e terza prova hanno presentato un body smanicato color salmone decorato con un motivo geometrico sui toni del rosso/arancio.

Quando si dice: o li ami o li odi. Per me è stato amore. Il body vestito dalla Brixia (Youth d’élite) ha trasformato le Fate RTT2020 in bellissime farfalle che per tre prove, hanno volteggiato tra gli attrezzi stravincendo un altro campionato in A1. Base nera e tanti ritagli di colore ispirati proprio alle ali di una farfalla. Un body che in ogni caso si fa notare eccome!


Ecco tutti e 24 i body della serie A 2019! Chissà quali saranno i trend del prossimo campionato, intanto avete un modello che vi ha stregato?

F.


Tutte le foto ©Charlie Stive Dagna tranne la foto del World Sport Academy di ©The Gymspecialist

© Effe 2019. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione – anche parziale – dell’articolo e dei suoi contenuti

Rispondi